07
Lug

Il ruolo della ICT ( Information Communications Technology) nei nuovi modelli energetici

Le reti elettriche esistenti sono state progettate per trasportare, in modo unidirezionale, l’energia prodotta da poche centrali di grossa potenza verso un’utenza passiva

Le reti elettriche esistenti sono state progettate per trasportare, in modo unidirezionale, l’energia prodotta da poche centrali di grossa potenza verso un’utenza tipicamente passiva. La recente liberalizzazione del mercato dell’energia e la tendenza a incentivare la generazione distribuita, eventualmente da fonti rinnovabili, tende oggi a rivoluzionare la concezione e la gestione delle reti elettriche.

Le reti elettriche intelligenti, o smart grid, sono concetti di impianti elettrici fortemente integrati dalle tecnologie dell’ICT. Queste tecnologie consentono il controllo della rete anche in presenza di un’elevata percentuale di generatori distribuiti di piccola potenza e con flussi di energia bidirezionali. Si pensi, ad esempio, a una rete con una forte presenza di piccoli impianti di generazione da rinnovabili (es. eolico e solare), che, per loro natura, possono avere forti variazioni di tensione e frequenza nel tempo; condizione, questa, che rende instabile un sistema elettrico di tipo tradizionale.

Una rete elettrica di tipo smart grid, oltre a gestire al meglio la generazione distribuita, porterebbe anche ad aumentare l’efficienza energetica del sistema elettrico a seguito di minor perdite in linea, in quanto l’energia verrebbe prodotta più vicino all’utilizzatore finale.

Inoltre con l’implementazione di sistemi di accumulo elettrochimico, in un’architettura smart grid, si ottimizzerebbe l’autoconsumo contribuendo ad una riduzione istantanea della bolletta elettrica.

Anche nel settore dell’edilizia, l’informatizzazione può contribuire alla progettazione di edifici nuovi più efficienti, impiegando algoritmi che minimizzino i consumi energetici e involucri che sfruttino al meglio le tecniche di riscaldamento passive ed attive, tenendo conto delle correnti d’aria, del livello di insolazione e del microclima.

Elettronica e sensoristica possono essere impiegate per gestire al meglio i flussi energetici in nuove costruzioni, ma anche nel vasto parco degli edifici esistenti, ad esempio mediante sistemi di illuminazione controllati o mediante le applicazioni tipiche della domotica o smart building. In generale, le tecnologie dell’ICT sono solo alcune delle applicazioni utilizzate nel più ampio settore del green building.